Tg3 Comics - On the Road

a cura di Riccardo Corbò

  • 13522748_1156374424403785_8932859410386672116_o

     

    Il “Crack!” è sempre stato un festival precoce e a 12 anni ha già un sacco di figli e figliastri: Festival, eventi, incontri, giornate – nazionali ed internazionali – che raccolgono i suoi slanci e li ripropongono adattati al proprio mondo. Il Crack! quest’anno raccoglie questa immensa tribù, questo clan dove non ci sono figli primogeniti, prediletti, bastardi, ma solo una grande famiglia unita da un movimento ostinato e contrario. Ecco il manifesto di questa “Crackland”, il passaporto per invitarvi a visitare questa terra senza terra, fino a domenica 26 maggio.

    Dodici edizioni senza prendere soldi da nessuno, niente: né pubblico né privato.

    Chi partecipa al festival decide come si fa il festival mettendoci opere condivisione e tutta l’arte che conosce.

    Il prezzo che si paga per partecipare a Crack! non è moneta corrente, nulla è dovuto, ma è anima e corpo, lussuria e lucidità. Questa fatica che mettiamo in gioco è il nostro unico capitale, indivisibile. Ma numerabile: trecentocinquanta artisti ogni anno per dodici anni senza una banca che possa mettere a registro questo patrimonio. Solo qui, assieme a questa comunità sotterranea, il fumetto non è lavoro morto ma opera viva. Una moneta vivente dicevamo lo scorso anno.
    Questo anche è Crackland, un’idea di mondo. Ed è una galassia Crackland. Un universo ancora in espansione che forma nuovi pianeti uno dopo l’altro. In comune alcune cose.

    Il festival si autorganizza, non si invita nessuno, ci si autoinvita alla festa.

    Chi partecipa condivide e collabora, è solo così che paga il diritto ad esserci, non con moneta corrente.

    Lo spazio non è preconfigurato ma prende la forma vivente di coloro che se ne prendono la responsabilità.

    Qui nel nostro paese continuano a nascere e crescere altri festival che parlano la stessa lingua: COMBAT COMICS di Livorno (4° ed), INCHIOSTRI RIBELLI di Firenze (3° ed),RATATÀ di Macerata (3° ed), CA.CO. Fest di Bari (3° ed),BORDA! Fest di Lucca (in preparazione la 3° ed), PICS Pics Pescara Intergalactic Comics Show (intermittente dal 2013) e AFA di Milano (che ha debuttatoquest’anno). Questi festival italiani assieme agli internazionali F.OFF di Angouleme (FRA, 5° ed), ALTCOM di Malmö (SWE, biennale, 4° ed), TENDERETE Valencia (ESP, semestrale, 12° ed),GUTTER Fest di Barcelona (ESP, 4° ed), VENDETTA di Marseille (3° ed), PRINTNOIZE Festival Berlin (GER), OHOHOdi Zagreb (CRO), e alle esperienze svolte dal NOVO DOBA di Belgrade (SRB), ŠKVER Art Project di Mali Lošinj (CRO), e altri ancora che sono patrimonio di una rete europea di fumetto, microeditoria e sperimentazione grafica che anche grazie allo spazio occupato, illegale e autogestito del Forte Prenestino ha trovato momenti di sviluppo e co-progettazione.

    L’ultimo giorno di questo Crack! faremo il primo Incontro Intergalattico dei Festival Indipendenti, i lavori del quale daranno il via ad una rete europea di scambio e cooperazione, di rispetto e condivisione. Basata sugli stessi principi che hanno fatto grande il nostro festival. È un evento che porta lontano. Siamo felici che le sue prime mosse le faccia qui, down in Crackland.

     

     

    23 – 24 – 25 – 26 GIUGNO 2016 CSOA FORTE PRENESTINO
    CRACK! FUMETTI DIROMPENTI
    CRACKLAND XII FESTIVAL INTERNAZIONALE DI ARTE DISEGNATA E STAMPATA

    C.S.O.A. Forte Prenestino
    via Federico Delpino – Centocelle – Roma
    Web: www.forteprenestino.net
    Mail: segreteria@forteprenestino.net
    tram 5-19-14 – bus 542-544 – metro C: fermate Gardenie e Mirti

    Comments

    comments

  • Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.
  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Foto Blogger

Blogroll: