Tg3 Comics - On the Road

a cura di Riccardo Corbò

  • 13465969_1153957911312103_6284336871132887322_n

     

    Apparso oltre due anni fa online, tra anteprime e rivelazioni Anubi ha raccolto un folto seguito di fan e è diventato un libro per la GRRRz: la prima storia lunga del duo Angelini e Taddei, già autori di due fortunate raccolte delle “Storie brevi e senza pietà”.

    Con Anubi i due sfidano il passo di una vicenda di ampissimo respiro, ricca di episodi, storie e personaggi, un fumetto-universo che rimarrà a scaffale per numerose letture e riscoperte.

    Quando Anubi nasce, un pezzo di te muore.

     Ha il frigo vuoto. Vive di Campari. Non torna in Egitto da secoli. E frequenta sociopatici.

    Cosa succede a un dio dopo il crepuscolo? Simone Angelini e Marco Taddei rispondono raccontando la vita di un ex divinità funestata da povertà e dipendenze. Una commedia ricca, perfettamente progettata: trecento pagine per scoprire che fine ha fatto e che fine farà Anubi, dio cane.

    E anche per incontrare i suoi amici, naturalmente. Entrate nel bar con Anubi: la gang di suore che fumano, Horus, dio sole e tramontato pure lui, e William S. Burroughs, sì, proprio lui, in persona. E il caro Enrico, e la sua grande passione, anche se armata solo di un ago. E i giovani tossichetti, e gli ambigui vigili urbani, gli irriducibili vecchi.

    Tutta fastidiosa marmaglia, tutti vorticosamente attorno a Anubi, che vive ogni avventura guidato dal suo destino gigantesco, pesantissimo e inevitabile.

     

    Marco Taddei / Simone Angelini – seconda edizione di ANUBI,con 14 pagine inedite e una veste rinnovata, con succosi dettagli introvabili. – b/n – 335 pp. – € 15.00

    I due autori sono ospiti del Crack! Fumetti dirompenti, loro perfetta cornice umana e artistica. Al banchetto GRRRz trovate il loro fumetto, il meglio del resto della produzione della casa editrice e i due autori stessi, se non sono in giro a sbevazzare, come loro solito.

    E se di Anubi non ne avete mai abbastanza, ecco il Book trailer del libro – ispirato in maniera malsana alla sigla de “la Pimpa”, e candidato come miglior Book Trailer 2016 dalla redazione del Trailers Film Fest, che potete votare cliccando sul link.

     

    • 23 – 24 – 25 – 26 GIUGNO 2016    CSOA FORTE PRENESTINO
      CRACK! FUMETTI DIROMPENTI
      CRACKLAND XII FESTIVAL INTERNAZIONALE DI ARTE DISEGNATA E STAMPATA

      C.S.O.A. Forte Prenestino
      via Federico Delpino – Centocelle – Roma
      Web: www.forteprenestino.net
      Mail: segreteria@forteprenestino.net
      tram 5-19-14 – bus 542-544 – metro C: fermate Gardenie e Mirti

  • 13522748_1156374424403785_8932859410386672116_o

     

    Il “Crack!” è sempre stato un festival precoce e a 12 anni ha già un sacco di figli e figliastri: Festival, eventi, incontri, giornate – nazionali ed internazionali – che raccolgono i suoi slanci e li ripropongono adattati al proprio mondo. Il Crack! quest’anno raccoglie questa immensa tribù, questo clan dove non ci sono figli primogeniti, prediletti, bastardi, ma solo una grande famiglia unita da un movimento ostinato e contrario. Ecco il manifesto di questa “Crackland”, il passaporto per invitarvi a visitare questa terra senza terra, fino a domenica 26 maggio.

    Dodici edizioni senza prendere soldi da nessuno, niente: né pubblico né privato.

    Chi partecipa al festival decide come si fa il festival mettendoci opere condivisione e tutta l’arte che conosce.

    Il prezzo che si paga per partecipare a Crack! non è moneta corrente, nulla è dovuto, ma è anima e corpo, lussuria e lucidità. Questa fatica che mettiamo in gioco è il nostro unico capitale, indivisibile. Ma numerabile: trecentocinquanta artisti ogni anno per dodici anni senza una banca che possa mettere a registro questo patrimonio. Solo qui, assieme a questa comunità sotterranea, il fumetto non è lavoro morto ma opera viva. Una moneta vivente dicevamo lo scorso anno.
    Questo anche è Crackland, un’idea di mondo. Ed è una galassia Crackland. Un universo ancora in espansione che forma nuovi pianeti uno dopo l’altro. In comune alcune cose.

    Il festival si autorganizza, non si invita nessuno, ci si autoinvita alla festa.

    Chi partecipa condivide e collabora, è solo così che paga il diritto ad esserci, non con moneta corrente.

    Lo spazio non è preconfigurato ma prende la forma vivente di coloro che se ne prendono la responsabilità.

    Qui nel nostro paese continuano a nascere e crescere altri festival che parlano la stessa lingua: COMBAT COMICS di Livorno (4° ed), INCHIOSTRI RIBELLI di Firenze (3° ed),RATATÀ di Macerata (3° ed), CA.CO. Fest di Bari (3° ed),BORDA! Fest di Lucca (in preparazione la 3° ed), PICS Pics Pescara Intergalactic Comics Show (intermittente dal 2013) e AFA di Milano (che ha debuttatoquest’anno). Questi festival italiani assieme agli internazionali F.OFF di Angouleme (FRA, 5° ed), ALTCOM di Malmö (SWE, biennale, 4° ed), TENDERETE Valencia (ESP, semestrale, 12° ed),GUTTER Fest di Barcelona (ESP, 4° ed), VENDETTA di Marseille (3° ed), PRINTNOIZE Festival Berlin (GER), OHOHOdi Zagreb (CRO), e alle esperienze svolte dal NOVO DOBA di Belgrade (SRB), ŠKVER Art Project di Mali Lošinj (CRO), e altri ancora che sono patrimonio di una rete europea di fumetto, microeditoria e sperimentazione grafica che anche grazie allo spazio occupato, illegale e autogestito del Forte Prenestino ha trovato momenti di sviluppo e co-progettazione.

    L’ultimo giorno di questo Crack! faremo il primo Incontro Intergalattico dei Festival Indipendenti, i lavori del quale daranno il via ad una rete europea di scambio e cooperazione, di rispetto e condivisione. Basata sugli stessi principi che hanno fatto grande il nostro festival. È un evento che porta lontano. Siamo felici che le sue prime mosse le faccia qui, down in Crackland.

     

     

    23 – 24 – 25 – 26 GIUGNO 2016 CSOA FORTE PRENESTINO
    CRACK! FUMETTI DIROMPENTI
    CRACKLAND XII FESTIVAL INTERNAZIONALE DI ARTE DISEGNATA E STAMPATA

    C.S.O.A. Forte Prenestino
    via Federico Delpino – Centocelle – Roma
    Web: www.forteprenestino.net
    Mail: segreteria@forteprenestino.net
    tram 5-19-14 – bus 542-544 – metro C: fermate Gardenie e Mirti

  • Fumetto di Zerocalcare e ERRE PUSH, autoprodotto dalla campagna #ionondimentico
    Prima presentazione 24 giugno 2016 ore 21 @Crack! Festival (Forte Prenestino, Roma)

     

    Il  24 giugno 2016, all’interno di Crack! – festival di arte disegnata e stampata, alle ore 21 verrà presentato per la prima volta il fumetto autoprodotto dalla campagna#ionondimentico scritto e disegnato da ERRE PUSH e Zerocalcare e dedicato a Renato Biagetti.

    Sono infatti passati 10 anni da quando, nel 2006 a Focene, estrema periferia di Roma, Renato viene ucciso da due giovani neofascisti. Solo perché riconosciuto come diverso: “una zecca” estranea a quel quartiere.

    Anni in cui la parola “equidistanza” inizia a essere usata per indicare “opposti estremismi”. Anni in cui emergono con chiarezza alleanze e contiguità tra partiti xenofobi e di destra “istituzionale” al potere, e i gruppuscoli neofascisti lasciati liberi di agire nelle strade. Si diffonde una cultura dell’odio e della violenza contro gli ultimi e i “diversi”, che passa spesso per intimidazioni e aggressioni, non di rado a colpi di coltello. Lame come quelle che hanno ucciso Renato.

    Come si legge nella prefazione, firmata da Zeropregi, “ormai il quotidiano è peggio di qualsiasi brutta storia che possa uscire dalla nostra fantasia”. La guerra agli ultimi e ai poveri è all’ordine del giorno, resa possibile grazie a un senso comune intriso di razzismo.

    Prossima fermata. Una storia per Renato, di Zerocalcare e ERRE PUSH è un viaggio a fumetti, che va a ritroso nel tempo, lungo questi dieci anni. Per parlare di Renato, di chi non ha mai smesso di raccontare la sua storia e di incrociarne tante altre, perché chi non dimentica continua a lottare.

    www.ionondimentico.noblogs.org

    24  GIUGNO 2016 CSOA FORTE PRENESTINO
    CRACK! FUMETTI DIROMPENTI
    CRACKLAND XII FESTIVAL INTERNAZIONALE DI ARTE DISEGNATA E STAMPATA

    C.S.O.A. Forte Prenestino
    via Federico Delpino – Centocelle – Roma
    Web: www.forteprenestino.net
    Mail: segreteria@forteprenestino.net
    tram 5-19-14 – bus 542-544 – metro C: fermate Gardenie e Mirti

  • Il libro sarà raccontato e letto durante i giorni del Crack! 2016. Ecco la presentazione del volume:

    Il 1° maggio 2016 il Forte ha compiuto 30 anni. 30 anni di occupazione ed autogestione, 30 anni di azione collettiva, di progetti, di laboratori, di iniziative, di socialità, ricerca, cultura, resistenza. Chi quel giorno ruppe la catena non avrebbe mai immaginato che questa storia sarebbe durata così a lungo. Oggi pubblicare e diffondere questo libro è più importante che mai, visto l’attacco che stanno subendo gli spazi sociali di Roma. Un attacco concentrico e continuato di fronte al quale è necessario raccontare a voce alta la nostra storia, fatta di esperienze che hanno reso questa città più viva, vitale, sostenibile.

    Attorno alla voglia di raccontare i trent’anni del Forte Prenestino si sono attivate le energie. Abbiamo chiamato a raccolta persone che si erano allontanate dalla vita quotidiana del Forte, ma non hanno esitato a rimettersi in gioco; abbiamo chiesto a tutt* quell* che hanno attraversato il centro sociale di mandarci un contributo, di raccontarci una storia, e in poco tempo siamo stat* sommersi di memorie e racconti. Un turbine emozionale si è attivato dentro e fuori di noi e la giostra meravigliosa della collettività in creazione ha cominciato a girare. Questo libro per noi è importante per il processo con cui si è generato: una scrittura collettiva che racconta una storia collettiva. Tante prospettive che illuminano un unico grande cuore pulsante.

    Tra i racconti troverete anche dei brevi testi a cura della redazione, sono schede nelle quali iniziamo a delineare alcuni dei temi fondanti del Forte, e che approfondiremo in un secondo volume o futuri fascicoli di una non-enciclopedia tutta in fieri. “Fortopía – Storie d’amore e autogestione” non è un punto di arrivo ma il gradino da cui ripartire per continuare a costruire insieme mille mondi possibili perché la Fortopía non è un’utopia, qualcosa che si allontana sempre più. La Fortopía è un’eterotopia, un luogo che una volta passato il ponte e superato il cancello è reale, presente e pulsante, con le sue regole che sono vere qui e non altrove. Un luogo dove il possibile si espande nel potenziale senza allontanarsi dal reale, divenendo concreto e praticabile.

    Questo libro è autoprodotto perché nulla di quello che abbiamo fatto viene fuori da altro che non siano i nostri desideri e i nostri sforzi, e dal sostegno e dalla complicità delle migliaia di persone che ci attraversano. E a loro è dedicato: a chi ci sta ancora e a chi non c’è più. A tutti gli spazi occupati e autogestiti.

     

    “Fortopìa – Storie d’amore e d’autogestione” è autoprodotto dal C.S.O.A. Forte Prenestino.

    Ed. Fortepressa – La Bagarre ONLUS,

    440 pagine a colori

    copertina quadricromia: disegno e progetto cromatico Zerocalcare / colori Enrico D’Elia

    copertina serigrafia: Infidel/0stile

    Cura grafica: Valerio Bindi

    23 – 24 – 25 – 26 GIUGNO 2016 CSOA FORTE PRENESTINO
    CRACK! FUMETTI DIROMPENTI
    CRACKLAND XII FESTIVAL INTERNAZIONALE DI ARTE DISEGNATA E STAMPATA

    C.S.O.A. Forte Prenestino
    via Federico Delpino – Centocelle – Roma
    Web: www.forteprenestino.net
    Mail: segreteria@forteprenestino.net
    tram 5-19-14 – bus 542-544 – metro C: fermate Gardenie e Mirti

  •  

    30 anni di Forte Prenestino occupato e autogestito, 12 anni di “Crack! Fumetti dirompenti” e sentirli positivamente tutti. E’ tempo di bilanci al Forte, del racconto a voci disunificate nel fondamentale libro “fortòpia” che racconta questi primi sei lustri immaginifici. Anni seminali, che hanno germogliato e dato vita ad epigoni in tutto il mondo, formando una sconfinata “Crackland!”. E’ questo l’incipit del manifesto di questa edizione:

    “Perché Crackland.

    Perché quest’anno questa eterotopia di periferia, la fucina Forteprenestino ciesseoa, fa trentanni, quattrocentotrè lune ad oggi. E a questo il nostro festival quest’anno è dedicato. Alle donne agli uomini e a tutte le esistenze che hanno bruciato vite e neuroni fra queste mura di tufo. È da qui che nascono le strade che danno linfa al futuro del fumetto. È da qui che hanno intrapreso le loro vie numerosi artisti che sono stati capaci di trovare una strada originale e intensa, anche fuori dai tracciati predefiniti dal mercato e dalle scuole.

    Si tracciano linee di fuga che esplodono verso i murales, l’arte pubblica o di strada, la stampa indipendente e artigianale, la narrazione su supporti innovativi fino al racconto orale che si innesta nel segno dei comics. Non conosciamo altri modi per arrivarci che perdersi. Noi ci giriamo intorno al fumetto, lo guardiamo troppo da vicino e da troppo lontano. Da noi non trovi un solo modo di fare e raccontare ma metodi di lavoro diversi, strumenti e modi narrativi che, certo sono stampati, ma si avvicinano con diversi passi e da mondi diversi. La capacità di smontare e rimontare di nuovo e ancora una volta tutto da capo. E dove se non qui in questa antica gigantesca TAZ del Forteprenestino. È qui la nostra Crackland.

    Un posto che è di tutti noi, storti e storte, ibridi e meticci, migranti di tutte le nebulose, un quartiere ricco di differenze e di anime. Senza alcuna purezza da difendere. E a questo abbiamo dedicato un libro che è un miracolo nella storia dell’autoproduzione, Fortopìa. Fatto pensato e prodotto collettivamente e senza strumenti proprietari. Diffuso a sottoscrizione per coprire i costi vivi e con codici sorgenti aperti e disponibili. Ristampato per Crack! dopo che la sua prima tiratura si è esaurita il giorno della sua presentazione il 1° maggio.

    Questo anche è Crackland, un’idea di mondo. Ed è una galassia Crackland. Un universo ancora in espansione che forma nuovi pianeti uno dopo l’altro.”

     

    Programma completo sul sito di CRACK!
    crack.forteprenestino.net
    e sul sito del Forteprenestino
    forteprenestino.net

    Il Forte Prenestino è un centro sociale occupato e autogestito dal 1986. E’ un centro sociale, un luogo di socialità, incontro, divertimento e organizzazione del tempo collettivo, di scambio di idee, visioni, energie e di saperi. Il Forte sperimenta un’organizzazione del proprio spazio e delle proprie attività basata sulla libera associazione di individui uniti/e da una progettualità e da un’etica condivisa. E’ per questo che il forte sperimenta il non-lavoro e modelli di vita autogestiti, sperimenta un’altra socialità e un’altra economia perché è parte una realtà immensa e variegata, di chiunque combatta ogni giorno perchè sia possibile un altro mondo, fatto di individui liberi/e uguali e solidali. Per questo il forte è antifascista, antisessista, antirazzista, antiproibizionista

    23 – 24 – 25 – 26 GIUGNO 2016 CSOA FORTE PRENESTINO
    CRACK! FUMETTI DIROMPENTI
    CRACKLAND XII FESTIVAL INTERNAZIONALE DI ARTE DISEGNATA E STAMPATA

    C.S.O.A. Forte Prenestino
    via Federico Delpino – Centocelle – Roma
    Web: www.forteprenestino.net
    Mail: segreteria@forteprenestino.net
    tram 5-19-14 – bus 542-544 – metro C: fermate Gardenie e Mirti

  •  ROMA CSOA FORTE PRENESTINO

           25-26-27-28 GIUGNO 2015

    FORTEPRESSA

    LA BAGARRE

    presentano

    manifesto 15crack50x70 8june

    CRACK! FUMETTI DIROMPENTI
    CAPITALE
    XI FESTIVAL INTERNAZIONALE DI ARTE DISEGNATA E STAMPATA
    Crack poster art: VERONICA FELNER

     

    “Dopo la trilogia della distruzione (Apocalisse/Orda/Genesi) ora ci confrontiamo con la macchina CAPITALE, la macchina (in)finita di produzione di schiavitù. depredati di ogni capitale tranne che del nostro Capitale Umano. Qui a Crack! quello che spendiamo è quello che produciamo e quello che paghiamo è quello che siamo. Siamo la Moneta Vivente del nostro Capitale. La riflessione che abbiamo avviato è sul senso dell’autoproduzione che non è mai stata una macchina di produzione di denaro ma un concatenamento che crea cooperazione, condivisione, e visioni del futuro. non sono valore astratto per scambiare merci ma una rete reale viva che interagisce”

    Torna il Festival “CRACK!” a Roma, e mai come quest’anno l’onomatopea fumettistica che gli dà il nome ben si addice al tema della manifestazione

    Un’analisi artistica del Capitale, umano prima ancora che economico, ma anch’esso in crisi. E il festival “Crack!” non vuole certo dare risposte o certezze, ma aumentare il dubbio, la sfida, la partecipazione, allargare i confini visionari con un programma e una location unici non solo in Italia, ma a livello mondiale.

    Il piazzale del Forte Prenestino, come i suoi affascinanti e infiniti sotterranei diventano anche quest’anno non solo il luogo e scenografia, ma la materia stessa che gli artisti,  provenienti dai più impensabili angoli del pianeta, plasmeranno in un continuo work in progress composto da illustrazioni, suoni, musiche, installazioni, sculture.

    Il pubblico non è chiamato ad essere semplice spettatore, ma ad immergersi nel Festival e farsi a sua volta “Capitale” di condivisione.

    Guarda il programma completo, in .PDF 2015-CRACK-CAPITALE_eventi

    Location
    Forte Prenestino

    Indirizzo
    Via Federico Delpino 00171 – Roma

    Telefono
    0621807855

     

     

     

  •  

    Torna nei sotterranei del Forte Prenestino dal 19 al 22 giugno 2014

    Crack! Fumetti dirompenti
    GENESI
    X° Festival Iinternazionale
    di Arte Disegnata e Stampata

     

    E’ stato detto del Crack!: “é meglio di qualsiasi altro festival al mondo”, e non è solo un’iperbole.

    CRACK! torna e quest’anno è alla decima edizione, GENESI si chiama, perchè è l’alba di una profonda rigenerazione.

    E’ la prima volta che un festival italiano indipedente autoprodotto, antagonista e sovversivo arrivi al traguardo dei dieci anni. Trecentocinquanta artisti l’anno, fa tremilacinquecento artisti, identità singole e collettive, small press e invisibili di un movimento underground che attraversa autoconvocandosi il pianeta di immagini disegnate.

    Centomila visitatori in dieci anni, tra quelli che hanno sognato dormito e disegnato al Forteprenestino di Roma. Tutto senza mai una lira di finanziamento pubblico o privato, proprio solo con l’aiuto di questa città di segni ribelli.

    I fumetti si fanno “disegnando con le parole e scrivendo con i disegni” diceva qualcuno, ma anche incollando libri piegando fogli stampando pagine inchiodando muri graffiando superfici spargendo inchiostri. E senza chiedere posso permesso grazie.

    “Non abbiamo paura di essere cacciati dal vostro fottuto Paradiso Terrestre, noi la mela l’avremmo mangiata con gusto”. E’ questo lo slogan della Genesi del Crack! 2014.
    Conoscenza, consapevolezza, volontà, traguardi e visioni, è il comun denominatore che unisce artisti e pubblico di questo immaginifico festival, e vuole rendere sempre più impalpabile la divisione e distinzione tra chi crea e chi osserva.
    Chiunque entri nel Forte Prenestino nella quattro giorni del Crack! diventa parte di un movimento culturale e artistico, fatto di musica, suoni, workshop, proiezioni, fumetti, sculture, pitture e anche buon cibo e buon bere e buona – anzi ottima – compagnia.

    Per iscrizioni al festival: crack.forteprenestino@gmail.com

    ———————–

    Indirizzo: CSOA  Forte Prenestino via Federico Delpino – Roma

  • httpv://www.youtube.com/watch?v=4Jbtus4bxW4

     

    Al Crack! – Fumetti dirompenti 2013, l’orda di artisti è ormai passata.

    Valerio “Sciatto” Bindi, uno degli organizzatori del Festival, traccia il bilancio finale della nona edizione.

  • httpv://www.youtube.com/watch?v=msteOmBXdzw

    Trude Rabbit è il viaggio post-vittoriano e neopsichedelico di un’Alice zoomorfa, che srotolando lungo sei metri di pagine le proprie visioni frammentate, le ricompone come in un caleidoscopio, attraverso gli specchi di un Bianconiglio affetto da disturbo di personalità multipla.

    Il libro è un lavoro di cut-up che trasporta nella dimensione della favola otto metri di rotolo disegnato ininterrottamente, come un flusso di coscienza.

    Il taglio e la ricomposizione di questa conitnuità generano una fiaba straniata, senza parole, dalle molteplici narrazioni e immaginari possibili.

    http://www.fortepressa.net/trude-rabbit/?lang=it

  • httpv://www.youtube.com/watch?v=vVgoPQ83FWQ&feature=youtu.be

    Un libro mai nato. 6 portfolio. 36 stampe d’arte in tiratura limitata realizzate dal Collettivo Dummy sul tema delle fobie. Collana “3 Square Feet” a cura di Marco Belotti e Alessandro Berardinelli

    – Collettivo Dummy: Squaz, Officina Infernale, Tiziano Angri, Alberto Ponticelli, Akab, Ausonia

    Al festival “Crack! Fumetti dirompenti” la mostra “Phobos” ha esposto le opere del collettivo. Il commento di Akab.

     

  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Foto Blogger

Blogroll: